“Locuste sapore bacon”, 5 motivi per mangiare insetti”

Per lo più disprezzata dalla moderna cultura europea, “l’entomofagia”, o il consumo di insetti a scopo nutrizionale, è consuetudine in numerose parti del mondo quali l’Asia, l’Africa e l’America Latina.

Un tempo lo stesso filosofo greco Aristotele sosteneva che le cicale fossero uno spuntino di lusso dall’ottimo sapore. Oggi, se si tratta di spuntini proteici, la maggior parte delle persone preferisce una fetta di prosciutto crudo.

Pensandoci bene, non tutti i paesi possono permettersi il consumo di carne e di conseguenza devono cercare fonti alternative, per colmare il fabbisogno di proteine. Ecco che mangiare larve, formiche, grilli e cavallette ha un suo senso. A noi europei la carne non ci manca – per ora – e una domanda sorge spontanea: perché dovremmo cambiare le nostre abitudini alimentari?

1 – PROTEINE A GO GO

Le proteine stanno alla base del funzionamento del corpo umano. Studi scientifici hanno accertato che i nutrienti e le proteine fornite dagli insetti non hanno nulla da invidiare a quelle fornite dalla carne, dalle uova e dal pesce.

Ricchi in fibre e micronutrienti quali rame, ferro, magnesio, manganese, fosforo, selenio e zinco, gli insetti sono particolarmente importanti come integratori dietetici.

2 – 9 MILIARDI DI PERSONE DA NUTRIRE

Al giorno d’oggi mangiare insetti è una scelta, ma un domani potrebbe diventare una necessità. Nel 2050 saranno circa 9 miliardi le persone da nutrire e per soddisfarne la domanda di carne, la relativa produzione mondiale dovrà raddoppiare. Un ritmo insostenibile considerando che le superfici agricole non saranno sufficienti per sfamare tutte queste persone. Produzione e consumo di insetti sono un’ottima soluzione per rispondere alla sfida futura.

3 – BASSO IMPATTO AMBIENTALE

La produzione di gas serra è considerata una tra i responsabili principali del cambiamento climatico. Infatti gli allevamenti tradizionali per la produzione di carne contribuiscono in maniera decisiva nelle emissioni di anidride carbonica (CO2), metano (CH4), ossido di diazoto (N2O) e ammoniaca (NH3).

I ricercatori dell’Università di Wageningen in Olanda hanno recentemente dimostrato che l’allevamento di insetti commestibili come locuste, grilli e tarme della farina, emette una quantità di gas inquinanti decisamente inferiore rispetto all’allevamento di bovini e suini.

Per esempio, produrre un chilo di locuste comporta un’emissione di ammoniaca circa 50 volte inferiore rispetto alla produzione di un chilo di carne suina. L’allevamento di insetti è l’alternativa più sicura per una produzione di proteine animali a basso impatto ambientale.

4 – SALUTE PRIMA DI TUTTO

Secondo gli stessi ricercatori, una ragione per cui dovremmo iniziare a consumare insetti sta nel minor rischio di trasmissione di malattie rispetto alle forniture di carne tradizionali. Questo perché nell’albero dell’evoluzione gli animali di cui ci nutriamo sono più vicini a noi umani rispetto agli insetti. Quindi diverse malattie che si sviluppano tra gli animali da allevamento possono trasmettersi facilmente all’uomo. Morbo della mucca pazza ed influenza aviaria vi ricordano qualcosa?

5 – MIGLIAIA DI GUSTI, COLORI E FORME

Ad oggi l’uomo consuma circa 1400 specie diverse di insetti. In numerosi paesi formiche, termiti, grilli, cavallette e bruchi sono alla base di gustose pietanze.

In Tailandia vi diranno che non possono farne a meno, altro che impatto ambientale e salute. Il gusto è la loro ragione principale per continuare a mangiare insetti; scorpioni gusto gamberetto, tarme della farina che sanno di noce, o ancora locuste sapore bacon. Ve li propongono in tutte le salse: vivi, bolliti, fritti, tostati, grigliati, caramellati.

Forme e colori si confondono in numerosi piatti dal salato al dolce: cavallette fritte e saltate con verdura, risotto alle blatte, biscotti ai vermi e cioccolato bianco, ananas con formica amazzonica per citarne alcuni.

Se siete alle prime armi, il segreto è uno: chiudere gli occhi e lasciarsi catturare dal sapore senza guardare il piatto.

 

Articoli correlati

“Dindr”, nuovo Tinder a tema Food.

Che esista una relazione tra cibo e amore è ormai appurato. La ritualità connessa al convivio – dal latino “cum vivere”, vivere assieme – nel suo coinvolgere tutti i nostri sensi, rafforza e cementa i sentimenti sia nell’amicizia che nell’amore. Come ci ricorda lo...