La Gallina Padovana

Inconfondibile per il caratteristico ciuffo e per il piumaggio dai colori stravaganti, la gallina Padovana è allevata oggi non solo come razza da reddito ma anche come razza ornamentale.

Chiamata anche “Padovana a Gran Ciuffo” o “Gallina con la Capeoza”, è stata importata nel 1500 dalla Polonia da alcuni studiosi padovani e si è naturalizzata nel territorio adattandosi al clima rigido dell’entroterra veneto.

La Gallina Padovana si caratterizza per la conformazione del cranio sulla cui sporgenza ossea cresce un folto e maestoso ciuffo di penne che, assieme al divertente pizzetto piumato e ai ciuffi che crescono sotto gli occhi, ne delineano i tratti buffi e peculiari.

La produzione di uova per questa specie è abbondante e soprattutto costante anche durante tutto l’inverno ma a renderla simbolo indiscusso della gastronomia veneta è la qualità della sua carne magra, tenera e dal sapore delicato che si presta a svariate preparazioni culinarie.

Tu come la preferisci?

Di seguito ti lasciamo la ricetta di una gustosa insalata a base di bollito di Gallina Padovana, pinoli e uvetta sultanina.

Ingredienti per 6 persone
1 gallina padovana
1 cipolla, 1 carota
2 coste di sedano, 2 foglie di alloro
200 g di insalatine
50 g di pinoli
50 g di uvetta
succo di limone
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale

Preparazione
Pulite la gallina dalle interiora, fiammeggiatela per togliere i residui di piume, quindi privatela delle zampe e della testa. Sciacquatela molto bene sotto acqua corrente e ponetela in una casseruola riempita a metà con dell’acqua. Unitevi il sedano, la cipolla e la carota, precedentemente mondati e lavati, le foglie di alloro e un pizzico di sale.

Lasciate bollire per circa un’ora e mezza, modificando il tempo di cottura a seconda della consistenza delle carni della gallina.
Quando la gallina sarà cotta, toglietela dal brodo, attendete qualche minuto affinchè si raffreddi un poco, quindi dissodatela e sfilettatene le carni, eliminando la pelle.

Mondate e lavate le insalatine, disponetele sui piati e adagiatevi sopra la carne sfilettata, i pinoli e l’uvetta.
Condite con una vinaigrette ottenuta emulsionando il succo del limone con l’olio e un pizzico di sale e a vostro piacimento un cucchiaino di senape.

Articoli correlati

Prosecco per le feste

Consigli da bere Con che Prosecco brindare a queste feste? Ogni festa che si rispetti va celebrata a suon di bollicine e quando quella festa è il Natale noi veneti siamo avvantaggiati perché le nostre terre ci regalano uno dei vini più apprezzati al mondo, il Prosecco...

Italia – Francia, il derby del gusto

Conosciute ed apprezzate in tutto il mondo, la cucina italiana e quella francese sono, oggi più che mai, al centro di una lotta al primato gastronomico. Un derby iniziato diversi secoli fa, e che ha consolidato nel tempo la rivalità ed il prestigio di una e...

“Locuste sapore bacon”, 5 motivi per mangiare insetti”

Per lo più disprezzata dalla moderna cultura europea, “l’entomofagia”, o il consumo di insetti a scopo nutrizionale, è consuetudine in numerose parti del mondo quali l’Asia, l’Africa e l’America Latina. Un tempo lo stesso filosofo greco Aristotele sosteneva che le...

“Dindr”, nuovo Tinder a tema Food.

Che esista una relazione tra cibo e amore è ormai appurato. La ritualità connessa al convivio – dal latino “cum vivere”, vivere assieme – nel suo coinvolgere tutti i nostri sensi, rafforza e cementa i sentimenti sia nell’amicizia che nell’amore. Come ci ricorda lo...